capçalera
  home . català . english . español . deutsch . français
webmap . credits  
menu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_top
vita vita coetanea
 Vita coetanea
 Conversione
 Illuminazione
 Miramar
 Politica
 Il personaggio di ‘Raimondo’
 Raimondo Lullo e la cultura araba
 Raimondo Lullo e la conversione degli ebrei


Probabilmente nel settembre dell’anno 1311 Lullo dettò la Vita coetanea a un monaco della Certosa di Vauvert, situata a Parigi, fuori dalle mura, dove ora si trovano i Giardini di Lussemburgo. La prima redazione è in latino perché l’opera fu concepita come presentazione di Raimondo davanti al concilio generale della Chiesa che si celebrò quell’anno nella città di Vienne nel Delfinato. La traduzione catalana è di un discepolo degli ultimi del secolo XIV e introduce diversi cambiamenti. La Vita coetanea è una giustificazione della vita e dell’opera del personaggio di ‘Raimondo’ molto ben ragionata e senza espansioni letterarie: dalla conversione all’andata al concilio c’è una perfetta distribuzione di energie e di attuazioni che presentano Lullo come un essere guidato sempre da una volontà superiore. Le peregrinazioni, i soggiorni a Montpellier, Parigi e Roma, le gestioni diplomatiche e i viaggi di missione seguono il filo cronologico, e accompagnano il momento culminante del testo, che è il discorso che Raimondo fa davanti al re di Tunisi nel 1293: la dimostrazione della verità del cristianesimo attraverso l’Arte.

Thomas le Myésier, un discepolo di Lullo che era medico alla corte francese, fece illustrare la Vita coetanea con dodici miniature di gran lusso che si conservano in un codice della biblioteca statale di Karlsruhe (Germania), chiamato Breviculum.

Si veda: Anthony Bonner e Lola Badia, Ramon Llull. Vida, pensament i obra literària  (Barcelona: Empúries, 1988), pp. 11-54 i  158; Raimundi Lulli, Breviculum seu electorium parvum Thomae Migerii, Charles Lohr-Theodor Pindl-Büchel-Walburga Büchel, eds. (Turnhout: Brepols, 1990 = Corpus Christianorum. Continuatio Medievalis, 77).

 

enllaç UB Centre de Documentació Ramon Llull