capçalera
  home . català . english . español . deutsch . français
webmap . credits  
menu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_top
opere bestie
 Plurilinguisme
 Lullo e il catalano
 Diffusione e conservazione
 Libro della contemplazione
 Libro del gentile
 Libro dell’ordine della cavalleria
 Dottrina puerile
 Libro d’Evast e Blaquerna
 Libro dell’amico e amato
 Arte dimostrativa
 Libro delle meraviglie
 Libro delle bestie
 Sconforto
 Albero della scienza
 Albero esemplificale
 Canto di Raimondo
 Retorica nuova
 Logica nuova
 Liber de fine
 Arte breve
 Fantastico
 Arte abbreviata della predicazione


Il Libro delle bestie è la settima delle dieci parti in cui si divide il Felix o Libro delle meraviglie (1288-1289), dove occupa il posto di un trattato di zoologia. Si tratta, invece, di una seria riflessione sulla politica in forma di favola. Lullo imbastisce una trama complessa, piena di sfumature, nella quale si possono seguire le macchinazioni di Na Renard, la volpe, per raggiungere il controllo assoluto del potere ed esercitarlo per interposta persona. Gli animali della favola, che Lullo prende da fonti orientali e dal Roman de Renard francese, sono una scusa per ritrarre alcuni degli aspetti più tenebrosi della condizione umana. Dall’inizio dell’opera il lettore intuisce che la protagonista farà qualsiasi cosa pur di comandare: la finalità non è arricchirsi bensì crogiolarsi nel piacere di dominare tutto, una triste passione che si materializza a tutti i livelli delle relazioni umane. Na Renard finisce per perdere, vittima della sua stessa smisurata ambizione, ma la sua caduta si produce solo dopo molte ingiustizie e atrocità.

Alla fine del Libro delle bestie, ci viene detto che Felix portò l’opera alla corte di un re perché facesse attenzione al momento di decidere di chi fidarsi. È molto probabile che Lullo scrivesse questo capitolo del Libro delle meraviglie come avvertimento per il re di Francia, Filippo IV, il Bello, col quale aveva intrattenuto contatti politici negli anni della redazione dell’opera.

enllaç UB Centre de Documentació Ramon Llull