capçalera
  home . català . english . español . deutsch . français
webmap . credits  
menu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_top
opere albero esemplificale
 Plurilinguisme
 Lullo e il catalano
 Diffusione e conservazione
 Libro della contemplazione
 Libro del gentile
 Libro dell’ordine della cavalleria
 Dottrina puerile
 Libro d’Evast e Blaquerna
 Libro dell’amico e amato
 Arte dimostrativa
 Libro delle meraviglie
 Libro delle bestie
 Sconforto
 Albero della scienza
 Albero esemplificale
 Canto di Raimondo
 Retorica nuova
 Logica nuova
 Liber de fine
 Arte breve
 Fantastico
 Arte abbreviata della predicazione


Il quindicesimo albero dell’Albero della scienza ha una funzione complementare in relazione ai primi quattordici, che dispiegano, d’accordo con l’Arte, i contenuti enciclopedici propri del secolo xiii. La funzione dell’Albero esemplificale consiste nel dotare la scienza di una dimensione letteraria che la renda atta alla divulgazione, in maniera amena e ludica. Raimondo dice espressamente che cerca l’amicizia delle persone che leggeranno il suo libro. Lullo, inoltre, mette qui chiaramente in relazione la divulgazione con la predicazione: i sermoni sulla dottrina potranno essere arricchiti profiquamente di materiali didattici grazie agli esempi dell’Albero esemplificale. Non siamo di fronte ad un repertorio chiuso di storie, proverbi, immagini e sentenze, bensì ad un artefatto intellettuale che deve insegnarci a produrre questo tipo di risorse a partire dai dati del sapere universale.

L’Albero esemplificale consta, come gli altri dell’Albero della scienza, di radici, tronco, branche, rami, fiori, foglie e frutti, ma ognuna delle parti di questo settenario non si applica esaustivamente ai quattordici alberi precedenti. Così le radici riuniscono diciotto ‘racconti’ o storielle morali in relazione ai quattro elementi e ai principi generali dell’Arte, in cui Lullo si serve ampiamente della personificazione. Invece, il tronco è costituito da quattordici serie di proverbi applicabili a tutti gli alberi. Nelle branche troviamo quindici esempi pure in relazione con gli alberi anteriori, mentre i rami fanno lo stesso combinando narrazioni e proverbi. Le foglie offrono quattordici esempi che mettono in relazione gli accidenti aristotelici con i contenuti dei tre alberi previi. I fiori presentano diciassette serie di proverbi, e i frutti, quattordici esempi. L’ultimo di tutti spiega qual è la finalità dell’accumulazione del sapere : preparare lo spirito per l’elevazione alla contemplazione di Dio.

Il trattamento delle forme letterarie brevi nell’Albero esemplificale è la proposta più innovatrice, sorprendente e stimolante della ‘nuova’ letteratura di Raimondo Lullo.

enllaç UB Centre de Documentació Ramon Llull