capçalera
  home . català . english . español . deutsch . français
webmap . credits  
menu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_top
opere liber de fine
 Plurilinguisme
 Lullo e il catalano
 Diffusione e conservazione
 Libro della contemplazione
 Libro del gentile
 Libro dell’ordine della cavalleria
 Dottrina puerile
 Libro d’Evast e Blaquerna
 Libro dell’amico e amato
 Arte dimostrativa
 Libro delle meraviglie
 Libro delle bestie
 Sconforto
 Albero della scienza
 Albero esemplificale
 Canto di Raimondo
 Retorica nuova
 Logica nuova
 Liber de fine
 Arte breve
 Fantastico
 Arte abbreviata della predicazione


Raimondo Lullo dedicò almeno tre opere a esporre in forma sufficientemente dettagliata come il suo modello di missione avrebbe dovuto essere messo in pratica. Le opere sono il Tractatus de modo convertendi infideles (1292), il Liber de fine (1305) e il Liber de acquisitione Terra Sanctae (1309). Vi si potrebbe aggiungere un altro scritto più breve, il Quomodo Terra Sancta recuperari potest (1292), che offre altri dettagli interessanti. Le tre opere citate trattano gli stessi temi, anche se con alcune variazioni, più che altro strategiche, che rispondono principalmente ai cambiamenti politici dell’epoca.

Seguendo lo schema del Liber de fine, il tema più importante è quello della predicazione. Il riferimento al “modello degli apostoli” e alla fondazione di collegi precede la considerazione dei destinatari della missione: musulmani, ebrei, cristiani orientali e tartari o gentili.

Il secondo tema è quello della crociata militare. I tre aspetti principali sono quello di chi deve dirigere la crociata, quello dei contingenti e quello dell’itinerario della spedizione. Mentre la valutazione dei contingenti coincide nei tre scritti, ci sono cambi importanti negli altri due capitoli. I due scritti del 1292 sembrano conferire la direzione della crociata al maestro di un nuovo ordine militare, risultante dall’unificazione degli ordini esistenti. Il Liber de fine, invece, parla di un “re battagliero”, cosa che, a sua volta, è esplicitamente rifiutata nello scritto del 1309.

Per quanto riguarda l’itinerario da seguire, il Tractatus propone la via orientale, cioè Grecia, Armenia e Siria. Il Liber de fine, dopo aver esaminato le altre possibilità, vede come unica consigliabile la rotta di Spagna e Africa del Nord. Il Liber de acquisitione, infine, ritorna all’itinerario orientale, raccomandando la presa di Costantinopoli, aggiungendovi, però, un progetto di conquista di Ceuta come porta per occupare il Nord Africa.

Fonte: J. Gayà, Introducció in R. Llull, Darrer llibre sobre la conquesta de Terra Santa (Barcelona: Proa, 2002), pp. 62-63.

enllaç UB Centre de Documentació Ramon Llull