capçalera
  home . català . english . español . deutsch . français
webmap . credits  
menu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_top
opere arte breve
 Plurilinguisme
 Lullo e il catalano
 Diffusione e conservazione
 Libro della contemplazione
 Libro del gentile
 Libro dell’ordine della cavalleria
 Dottrina puerile
 Libro d’Evast e Blaquerna
 Libro dell’amico e amato
 Arte dimostrativa
 Libro delle meraviglie
 Libro delle bestie
 Sconforto
 Albero della scienza
 Albero esemplificale
 Canto di Raimondo
 Retorica nuova
 Logica nuova
 Liber de fine
 Arte breve
 Fantastico
 Arte abbreviata della predicazione


Questa opera, scritta a Pisa nel 1308, è la versione dell’Arte che è stata più letta e diffusa, e risponde a una volontà di semplificazione dei principi dell’Arte, propria della seconda delle fasi dell’Arte. L’Arte breve comincia dicendo che è scritta per facilitare l’accesso all’‘Arte magna’, cioè l’Arte generale ultima / Ars generalis ultima (1305-1308).

Le risorse grafiche che rendono visibile l’Arte, tanto nell’Arte breve come nell’‘Arte magna’, sono le Figure e l’Alfabeto.

Figure
punt La Figura A e la Figura T sono circolari e hanno lettere iscritte nella circonferenza.

punt
La Figura A rappresenta i nove principi fondamentali dell’Arte. B: bontà, C: grandezza, D: eternità/durata, E: potere/potestà, F: saggezza/istinto, G: volontà/appetito, H: virtù, I: verità, K: gloria.
Figura A
 
punt

La Figura T consta di tre triangoli interconnessi iscritti in un cerchio, ognuno di un colore diverso; e rappresenta tre triadi di concetti.

Figura T

B: differenza – C: concordanza – D: contrarietà (verde)
E: principio – F: mezzo – G: fine (rosso)
H: maggioranza – I: uguaglianza – K: minoranza (giallo)

 

punt La Terza Figura ha forma triangolare e contiene le ‘camere’ o gruppi di due di tutte le possibili combinazioni binarie senza ripetizioni dei concetti delle prime due figure.

Tercera figura

punt La Quarta Figura è circolare e rotatoria. Su una corona circolare fissa, che mostra nove lettere, dalla B alla K, se ne sovrappongono altre due minori, con le stesse lettere, capaci di girare su un centro comune. Questo artificio serve per generare ‘camere’ di tre lettere facendo girare i cerchi interni. Nella Tavola generale (1293-1294) Lullo aveva sviluppato una ‘Tavola’ mostrando tutte le possibili combinazioni ternarie senza ripetizioni, che sono 1680; la Quarta Figura dell’Arte breve sintetizza questa funzione dell’Arte.

Quarta figura

Alfabeto
Per quanto riguarda l’Alfabeto, l’Arte breve riserva le lettere A T per designare le figure dei principi, mentre le nove che vanno dalla B alla K acquisiscono diversi valori a seconda se rappresentano i principi della Figura A, quelli della Figura T o quattro altre serie di concetti, che costituiscono l’Alfabeto dell’Arte breve.

47

Le quattro serie di concetti addizionali sono:

punt
Questioni o Regole. B: se è?/possibilità. C: che cosa è?/essenza. D: di che cosa è /materia. E: per che cosa è/ forma. F: quanto è/quantità. G: qual è/qualità. I: quando è/tempo. H: dov’è/luogo. K: come è/modo e con che cosa è/strumento.
 
punt
Soggetti. B: Dio. C: angelo. D: cielo. E: uomo. F: immaginativa. G: sensitiva. H: vegetativa. I: elementativa. K: strumentativa.
 
punt
Virtù. B: giustizia. C: prudenza. D: fortezza. E: temperanza. F: fede. G: speranza. H: carità. I: pazienza. K: pietà.
 
punt
Vizi. B: avarizia. C: gola. D: lussuria. E: superbia. F: accidia. G: volontà. H: ira. I: falsità. K: incostanza.
 

 

L’Arte breve funziona d’accordo con una versione rinnovata della logica, che Lullo trattò nella Logica nuova (1303): le ‘camere’ che contengono due o tre concetti corrispondono, dunque, a proposizioni e sillogismi. L’Arte mostra come ‘trovare’ tutte le proposizioni e i sillogismi che si possono formare con i termini dell’alfabeto dell’Arte e come verificarne la verità o falsità. L’Albero della scienza (1295-1296), d’altra parte, indica come si articola la struttura di principi e di relazioni dell’Arte breve con l’insieme del mondo intelligibile.

L’Arte breve ha tredici parti molto compatte. La prima presenta l’Alfabeto; la seconda le Figure; la terza, le definizioni dei principi; la quarta, le regole; la quinta, la Tavola; la sesta l’‘evaquazione’ della Terza Figura; la settima, la moltiplicazione della Quarta Figura; l’ottava, la ‘mistione’ o mescolanza dei principi e delle regole; la nona, i nove soggetti; la decima, l’applicazione; l’undicesima, le questioni; la dodicesima, l’‘abituazione’; la tredicesima, ‘la maniera di insegnare quest’Arte’.
           
Si veda: Anthony Bonner, Obres Selectes de Ramon Llull (Palma de Mallorca: Moll, 1989), vol. I, pp. 523-599. Anthony Bonner, Selected Works of Ramon Llull (Princeton: Princeton University Press, 1985), Vol. I, pp. 569-646.

enllaç UB Centre de Documentació Ramon Llull