capçalera
  home . català . english . español . deutsch . français
webmap . credits  
menu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_topmenu_top
opere fantastico
 Plurilinguisme
 Lullo e il catalano
 Diffusione e conservazione
 Libro della contemplazione
 Libro del gentile
 Libro dell’ordine della cavalleria
 Dottrina puerile
 Libro d’Evast e Blaquerna
 Libro dell’amico e amato
 Arte dimostrativa
 Libro delle meraviglie
 Libro delle bestie
 Sconforto
 Albero della scienza
 Albero esemplificale
 Canto di Raimondo
 Retorica nuova
 Logica nuova
 Liber de fine
 Arte breve
 Fantastico
 Arte abbreviata della predicazione


Opuscolo dialogato, scritto nel settembre-ottobre del 1311, durante il viaggio di Lullo da Parigi a Vienne del Delfinato, dove doveva celebrarsi un concilio generale della Chiesa. Raimondo andava al concilio per sollecitare l’organizzazione di un ordine militare che combattesse gli infedeli in Terra Santa e la fondazione di scuole di missionari. Il chierico Pietro, con cui si misura Lullo, è un rivale invincibile, uno che non accetterà mai i suoi punti di vista. Pietro, infatti, va al concilio per ottenere benefici per sé e la sua famiglia: è un uomo che ha i piedi per terra e che vuole salire nella scala sociale. Questo modo di fare ripugna al laico Raimondo, che ha donato tutte le sue proprietà e la sua vita per innalzare l’onore di Dio. Raimondo considera che l’atteggiamento di Pietro sia una perversione morale; Pietro pensa che Raimondo sia pazzo, che è ciò che vuol dire il termine medievale ‘fantastico’.

Presentatisi i due personaggi, Raimondo propone una discussione sulla fantasia, cioè la pazzia, retta da regole che consisteranno nel dibattere l’assunto da cinque punti di vista: il concetto di fantasia, le quattro cause dell’essere, l’onore, il piacere e l’ordine. La conclusione del dialogo è desolante, perché Pietro resta convinto che Raimondo sia scemo, e Raimondo crede che il peccato di Pietro non abbia remissione.

L’importanza di questa operetta risiede nella capacità di Lullo di riportare con nitidezza l’opinione negativa che avevano di lui i suoi avversari, mentre fa un’emotiva propaganda del suo progetto intellettuale e spirituale.

enllaç UB Centre de Documentació Ramon Llull